menu

Nepal

Il “Tetto del Mondo” diviso dall’Himalaya, la catena montuosa più alta del mondo. Il Nepal insieme con la regione del Tibet sono meta di grandi alpinisti, trekker ed esploratori. La cultura nepalese fonde elementi di buddismo e induismo, L’antica storia ricca di misticismo ha lasciato moltissime testimonianze: dai templi indù e agli stupa e monasteri buddisti, ai palazzi reali ricchi di bassorilievi. La grande spiritualità, le tradizioni, i colori, le numerose feste e il sorriso della gente aggiungono un ulteriore motivo per visitare questa regione.

Clima:

Nella vallata di Katmandu (350 m) la stagione fredda, da ottobre a marzo, è il periodo migliore per visitare il paese. Le temperature notturne possono scendere sotto lo zero, ma di giorno il sole è caldo e il termometro sale dai 10 ai 25°. Ottobre e febbraio sono i mesi più piacevoli. La temperatura è notevolmente più alta nella valle di Pokhara, dove a mezzogiorno ed alle altitudini meno elevate raggiunge i 30°. In aprile, maggio e giugno le giornate si fanno calde ed afose, con sporadici temporali nelle ore serali. La natura è nel suo pieno splendore ma il paesaggio è spesso avvolto nella nebbia. Alla fine di giugno arrivano i monsoni, annunciati da piogge premonsoniche che di norma iniziano in maggio. La stagione delle piogge dura tre mesi e termina a metà settembre.

Informazioni utili per il viaggiatore:

ABBIGLIAMENTO
Dipende dal periodo in cui si intende visitare il Nepal. Da metà settembre a marzo, nella valle di Kathmandu è opportuno un abbigliamento leggero. Per la sera e le prime ore del mattino è necessario un golf di lana pesante oppure una giacca imbottita. Da aprile a settembre, a Kathmandu è sufficiente un abbigliamento leggero, preferibilmente di cotone. Sempre necessario un paio di scarpe comode, magari da ginnastica. Nel Terai, che si trova ad un’altitudine minore di Kathmandu, l’ideale è l’abbigliamento da safari. In dicembre e gennaio, il freddo delle notti invernali rende necessari un maglione e una leggera giacca a vento.

ACQUISTI
Kathmandu può essere un paradiso per chi cerca buoni affari. Meritano però fantasiosi maglioni di lana e materiale alpinistico in genere. Oggetti di artigianato locale e limitrofo come il coltello Khukri, vasi, brocche e anfore in rame o ottone sbalzato, tazze da the tibetane, i Thangkas, le pergamene dipinte a soggetto religioso, maschere di cartapesta, oggetti di terracotta e pregevoli tappeti. La maggior parte degli oggetti “antichi” sono stati fabbricati la settimana prima. Buona scelta di pietre semi preziose, sempre che si sappiano riconoscere. Ottimi affari nelle numerose librerie di Kathmandu. Gli acquisti si possono fare a Thamel (vestiario ed artigianato spicciolo), a Jawalakhel, a sud di Patan, per i tappeti; i negozi di antiquariato più interessanti si trovano a Durbar Marg.

ALIMENTI E BEVANDE
Si raccomanda di bere solo acqua in bottiglia o bollita (si trova in quasi tutti i ristoranti ed hotels). Evitare accuratamente l’acqua di rubinetto ed il ghiaccio nelle bibite. È bene consumare solo cibi ben cotti ed alimenti confezionati, evitando verdure crude e frutta che non si possa sbucciare. In alta quota l’acqua bolle a bassa temperatura e quindi anche la bollitura non elimina del tutto il rischio di persistenza di batteri.

AMBASCIATE
Consolato d’Italia a Calcutta (India):
5G Rev. Lalbehari Shah Sarani (Formerly New Road)
Alipore 
Kolkata 700027 
Tel. 0091-33-24792414/ 24792426. - Fax 0091-33-24793892 
Cellulare di emergenza: 0091 9831212216
Telefono satellitare Nera Immarsat: 00870763617766
e-mail : consolatogenerale.calcutta@esteri.it 
Consolato Generale Onorario d’Italia:
Heritage Plaza - I, 2nd Floor
P. O. Box no. - 7970
Kamaladi, Kathmandu
Nepal
Tel: +977-1-4169089 / 4169088
Fax: +977-1-4169088
e-mail: kathmandu.onorario@esteri.it

ASSISTENZA MEDICA
La situazione sanitaria, sia per l’assistenza che per le condizioni igieniche, è estremamente precaria in tutto il Paese, inclusa la capitale Kathmandu. Si consiglia, pertanto, prima di intraprendere il viaggio, di accertarsi delle proprie ottime condizioni di salute, e di stipulare, in ogni caso, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.
Nei casi di una certa gravità si può contattare la CIWEC Clinic con personale americano, Lainchaur – Kathmandu, Nepal , tel. 977-1-4424111. In alcuni ospedali di Katmandu il personale parla inglese, ma le garanzie offerte non sono quelle occidentali.

COMPORTAMENTO
In Nepal, uno straniero è per definizione una parola ricca. E tale concetto è profondamente radicato nella mentalità locale. D’altra parte tutto è relativo: se pensate a quanti chili di riso vale il vostro viaggio a Katmandu, concluderete che, dal loro punto di vista, il ragionamento è esatto. Può essere spiacevole, a volte, sentirsi chiedere di non entrare in un certo luogo o di non fotografare un tempio. Ubbidite educatamente: le ragioni che alimentano un tabù sono perfettamente note ai locali quanto oscure a voi. Il rispetto e l’ apertura mentale sono essenziali per viaggiare in Nepal. Dei consigli utili per stabilire un buon rapporto con i nepalesi: da evitare assolutamente è scavalcare i piedi o il corpo di una persona anzichè aggirarla, mai offrire a un nepalese cibo “impuro”, vale a dire che avete assaggiato o semplicemente toccato con una posata già usata. La mancanza di carta igienica ha portato all’abitudine (che alla fine è diventata un rituale) di usare in sostituzione l’acqua e la mano sinistra. Di conseguenza i nepalesi non accettano nulla che sia offerto con la sola mano sinistra. Dovendo porgere o accettare qualcosa, bisogna ricordarsi di farlo con entrambe le mani o con la mano destra. Tanto gli sherpa quanto i nepalesi sapranno accettare il gesto: usare entrambe le mani significa onorare l’offerta e colui che la porge. 

CORRENTE ELETTRICA
Nelle maggiori città è in uso la corrente elettrica alternata a 220 volt ed una frequenza di 50 Hz, anche se si verificano spesso delle fluttuazioni. E’ necessario un adattatore universale. Dovendo utilizzare un computer o altro apparecchio elettrico sensibile, è bene dotarsi di uno stabilizzatore.

DOCUMENTI E VISTO
Per l’ingresso in Nepal è necessario essere in possesso del passaporto con validità di almeno 6 mesi dalla data di uscita dal paese e almeno due pagine libere. Il visto è obbligatorio. E’ possibile ottenere il visto direttamente all’ingresso nel Paese presso la frontiera terrestre o all’aeroporto di Kathmandu presentando il passaporto (con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo) e due foto tessera. Nel caso ci si rechi in Nepal con un volo in transito per l’India, si consiglia di munirsi di un visto di transito da richiedere alle Autorità consolari indiane in Italia. In assenza del visto non è possibile lasciare la zona aeroportuale (es. in caso di ritardi nelle coincidenze).

DOGANA
All’ingresso in Nepal vi è l’obbligo di dichiarare il possesso di valuta oltre i 5000 dollari USA, si deve compilare un modulo che si tiene con se fino alla partenza dal Nepal. L'esportazione illegale di valute estere è sottoposta a severe penalità e reclusione. È vietata l'introduzione nel paese di materiale pornografico, armi, radiotrasmittenti, valuta nepalese, piante, droghe e narcotici tossici, alimenti non confezionati a norma.  In uscita, la dogana controlla severamente tutto il bagaglio, è proibita l’esportazione di tutti gli oggetti antichi, animali o droghe. Le rupie nepalesi non sono esportabili.

FOTOGRAFIE E RIPRESE
Si consiglia un atteggiamento rispettoso se si vuole riprendere la popolazione locale e in molti casi è più opportuno chiedere il permesso agli interessati che generalmente si dimostrano molto disponibili. Si consiglia di premunirsi di schede di memoriao rullini fotografici.

GASTRONOMIA
In tanti secoli di isolamento e nonostante le risorse della sua fertile terra, il Nepal non ha saputo sviluppare una cucina particolare. L’unica eccezione è costituita dalla cucina newari della valle di Katmandu, particolarmente elaborata e speziata, ma la si può gustare solo nelle case private. In generale i piatti nepalesi sono una variazione della cucina regionale indiana. Nella maggior parte del paese il riso rappresenta l’alimento base. In genere si mangia bollito e accompagnato dalle lenticchie (dahl) e da altre verdure, il tutto speziato con zenzero, aglio e peperoncino. Nei giorni di festa, alle verdure si aggiunge anche la carne, in gran quantità, esclusa la carne di manzo per la consuetudine religiosa. A Katmandu si trovano ristoranti di ogni tipo e si può mangiare a prezzi modici.

LINGUA
La lingua ufficiale è il nepalese, l’inglese è parlato da quasi tutto il personale a contatto con i turisti.

MANCE
Le mance rappresentano un’abitudine assai diffusa. Consigliamo di tenere sempre a portata di mano delle monete o banconote di piccolo taglio.

ORA LOCALE
In Nepal:  +4,45h rispetto all’Italia; +3,45h quando in Italia è in vigore l’ora legale.

RELIGIONE
In Nepal, la maggioranza della popolazione è induista, vi sono minoranze buddhiste e islamiche.

TASSE AEROPORTUALI
Dal Nepal, generalmente le tasse aeroportuali includono le tasse di uscita dal paese.
Consigliamo comunque di verificare in aeroporto, trattandosi di regolamentazioni locali soggette a variazione.

TELEFONO
Il prefisso del Nepal è 00977, per chiamare l’Italia comporre il prefisso internazionale 0039.
La rete cellulare funziona quasi ovunque, meglio verificare col proprio gestore prima della partenza, generalmente la linea copre tutto il paese, ma nelle zone remote dei trekking non sempre.
Non troppo dispendiose sono le telefonate con compagnie locali, anche verso l’Italia. E’ possibile acquistare sim card nepalesi. In alternativa al cellulare è possibile chiamare dall’hotel o da numerosi phone center che trovate in città, così come da alcuni lodge in trekking,  i costo delle chiamate da quest’ultimi è molto elevato.

VACCINAZIONI
Obbligatoria la vaccinazione contro la  febbre gialla, se si proviene da un Paese dove la febbre gialla è a rischio trasmissione.  Vi consigliamo di controllare il sito Viaggiare Sicuri al link http://www.viaggiaresicuri.it/paesi/dettaglio/nepal.html?no_cache=1

VALUTA
In Nepal è la Rupia nepalese. Le carte di credito vengono accettate nel paese presso i più importanti esercizi commerciali. In città gli sportelli bancomat disponibili 24/24h sono sempre più frequenti e potete prelevare direttamente in valuta locale.