menu
Un paese antico e fiero, che ha sempre salvaguardato la sua identità, pur trovandosi nel mezzo di due superpotenze, Cina e Giappone. Fedeli alle tradizioni, con un profondo sentimento religioso, i coreani amano il loro bellissimo territorio immerso nel verde tra mare e montagne. Oggi la Corea emerge come una destinazione giovane e trendy, grazie alla tecnologia, la moda e al dinamismo della sua cultura che strizza l’occhio alle nuove generazioni, nel campo della musica, con il k-pop, nel cinema, con il K-drama, diffondendo il tutto il mondo lo stile coreano.
Clima:
La Corea del Sud ha un clima temperato influenzato dai monsoni e stagioni ben definite. Le condizioni climatiche sono più estreme in estate, con l’arrivo della stagione delle piogge e dei tifoni, e in inverno quando i venti siberiani fanno scendere le temperature sotto lo zero.
L'autunno è la stagione più piacevole con temperature miti (da 10 °Ca 20 °C), il cielo limpido e il foliage che si tinge di porpora
La primavera è anche una stagione consigliabile, in particolare tra aprile e maggio. Le temperature sono ideali (da 18 °C a 23 °C) l'aria è fresca, con possibili giornate di pioggia a partire da maggio, specialmente sulla costa Est. 
L'estate coreana può essere particolarmente afosa (da 27 °C a 30 °C o più) e con un alto tasso di umidità. Tra giugno e agosto aumenta il rischio di tifoni e sul paese possono abbattersi forti precipitazioni.
Informazioni utili per il viaggiatore:
ABBIGLIAMENTO 
Le temperature vanno dai -10° d'inverno ai 35° d'estate perciò si consigliano vestiti leggeri per affrontare il caldo estivo e costumi da bagno, vestiti pesanti invece contro il freddo invernale. Opportuno portarsi  vestiti coprenti (maniche lunghe, pantaloni o gonne lunghe) in ogni stagione per visitare gli edifici religiosi. Scarponcini da trekking per le escursioni, una mantella antipioggia e una giacca a vento possono essere sempre utili.

ACQUISTI
A Seoul tanti sono i luoghi da visitare per fare acquisti.  Il quartiere di Dongdaemun, con 25 centri commerciali e 30.000 boutiques, è per eccellenza la zona dello shopping nella capitale. Al Dongdaemun Market: c’è di tutto, Questo mercato è molto popolare per la vasta scelta di vestiti, di elettronica e di street food. 
Per lo shopping di lusso consigliamo di visitare Apgujeong, per capire l’importanza che hanno l’alta moda e la bellezza senza imperfezioni per questa città.
I ragazzi amano invece  trascorrere i loro weekend al Hongik Children’s Park, dove artisti e artigiani locali espongono i loro manufatti al Hongdae Free Market.
Per chi ama gli oggetti più tradizionali  Insadong Street non tradisce le aspettative: passeggiate per i vicoli tortuosi alla ricerca di un autentico hanbok, il vestito coreano tradizionale, della tradizionale carta hanji, fatta a mano, ma anche di opere di artisti locali, ceramiche e giocattoli vintage.
In generale la cultura coreana è molto centrata sul giardinaggio e sulla coltivazione di piante, fiori e ortaggi. Imbarazzo della scelta se vorrete acquistare  semi di piante orientali per poi coltivarle nei vostri giardini. 
Gli amanti della cucina orientale apprezzeranno i numerosi negozi di articoli per la casa pieni di ciotole, coltelli, bacchette e stampi per onigiri, nonché le botteghe di prodotti alimentari come salse, spezie, alghe secche e l’imperdibile gingseng. 
Il settore della cartoleria è molto forte in Corea del Sud si trovano decine di negozietti stracolmi di articoli di cancelleria colorati e divertenti. 
La Corea è uno dei regni dei Manga e dei Cartoni animati. Qui gli appassionati del genere possono acquistare ogni sorta di fumetto, ovviamente in lingua coreana, ma anche i più svariati modellini di robot, personaggi dei fumetti da quelli in miniatura a quelli a grandezza naturale. 
Tra i souvenir più tradizionali da mettere in valigia, di ritorno dalla Corea, ci sono sicuramente le tisane coreane, a base di tè: l’insam cha (infuso di ginseng), il danggwi cha (infuso di angelica coreana) e saenggang cha(tisana allo zenzero) sono solo alcuni esempi. Il più popolare rimane il daechu-cha, ovvero il tè alla giuggiola, fatto con i dolcissimi frutti coreani.
Un altro simbolo della cultura coreana da acquistare è il ventaglio di carta, fatto a mano con una sapiente lavorazione.
Anche gli oggetti artigianali di  ceramica coreana Celadon, del periodo Goryeo  che va dal 918 al 1392, dal caratteristico colore verde giada,  sono  molto apprezzati.

AMBASCIATE
AMBASCIATA D'ITALIA a Seoul: 3° Piano, Ilshin Building, 98 Hannam-daero, Yongsan-gu, Seoul 04418
TEL: 008227500200 / 008227500201- FAX: 008227975560
Cell. Emergenza: (+82) 010 2242 0491
E-mail: embassy.seoul@esteri.it - Sito: https://ambseoul.esteri.it/
Ambasciata della Corea del Sud in Italia: Via Barnaba Oriani 30, Roma 00197, telefono 06 802461

ASSISTENZA MEDICA
La situazione sanitaria è in generale molto buona nel Paese, con personale medico competente, soprattutto nelle principali città coreane. Alcune strutture ospedaliere – specie nelle grandi città - sono anche dotate di cliniche internazionali, con personale medico e paramedico che parla la lingua inglese e/o altre lingue straniere. I costi di ricovero ospedaliero per i cittadini stranieri sono elevati; si raccomanda pertanto di stipulare una polizza assicurativa prima di recarsi nel Paese.
E’ stato aperto a Seoul un centro di assistenza medica, operativo 24/24,  il “Seoul Global Center” a disposizione degli stranieri che risiedono o si trovano in visita nel Paese. Il Centro in questione consente agli stranieri che si trovano nella Repubblica di Corea di poter usufruire di un ampio ventaglio di servizi medici con personale medico e paramedico che parla correttamente l’inglese.
Tutte le indicazioni pratiche al riguardo sono disponibili sul sito: http://global.seoul.go.kr

CORRENTE ELETTRICA
La tensione utilizzata in Corea del Sud è 220V. Consigliabile l’adattatore universale, essendoci diversi tipi di prese.

DOCUMENTI E VISTO 
Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 3 (tre) mesi alla data di arrivo nel Paese. non occorre il visto per i cittadini italiani che si recano per soli motivi di turismo e per soggiorni inferiori ai n. 90 (novanta) giorni, a condizione di non svolgere attivita' remunerate.
A seguito dell’emergenza sanitaria causata dalla diffusione di COVID-19, la Repubblica di Corea ha sospeso temporaneamente, a partire dal 13 aprile, lo "scambio di note sull’esenzione da visti d’ingresso e applicazione di tariffa dei visti" tra Italia e Corea, entrato in vigore il 5 maggio 1975.
Per maggiori informazioni su arrivi e partenze dei viaggiatori e sulle varie tipologie di visto, si consiglia di rivolgersi all’Ambasciata della Repubblica di Corea a Roma / Consolato Generale della Repubblica di Corea a Milano o di consultare il sito del Ministero della Giustizia coreano: http://www.moj.go.kr/HP/ENG/index.do

DOGANA 
All'arrivo in Corea, e' necessario compilare la dichiarazione di arrivo denominata "Arrival Card". All’arrivo nella Repubblica di Corea, devono essere obbligatoriamente dichiarati i seguenti prodotti (alcuni dei quali vietati):
- Armi da fuoco (comprese quelle d'imitazione) e armi bianche come spade, balestre, ecc.; proiettili e sostanze chimiche, materiali tossici o radioattivi;
- Sostanze stupefacenti come l'oppio, eroina, cocaina, ecstasy, cannabis, metanfetamina, e farmaci;
- Prodotti agricoli, bestiame e altri prodotti alimentari (carne, pelle, pelliccia inclusi), piante, frutta, ortaggi, prodotti acquatici vivi e non;
- Elementi listati nella Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES), prodotti come l’avorio, la cistifellea di orso, ecc.;
- Prodotti che violano i diritti di proprieta' intellettuale quali gli oggetti contraffatti;
- Banconote false, contraffatte e titoli negoziabili contraffatti;
- Libri, disegni, film, registrazioni e video che violano la Costituzione, la Pubblica Sicurezza e la Dogana;
- Mezzi di pagamento (valuta estera o Won) superiori a 10 mila dollari;
- Oggetti trasportati a fini di vendita o d’'uso aziendale;
- Gli articoli che superano la franchigia gratuita (meno di 400 dollari, 1 bottiglia di alcool, 1 confezione da 10 pacchi di sigarette, profumo 60 ㎖).
Se si usa il percorso doganale "Nothing to Declare" pur essendo in possesso degli articoli sopra indicati senza averli dichiarati, si puo' incorrere in una multa del 30% del valore del bene, nel sequestro del bene e essere puniti secondo le leggi doganali locali. E' consigliato, quindi, passare per il canale "Goods to Declare" e rilasciare la dichiarazione volontaria. I beni elettronici personali (computer, videocamere, ecc.) vanno dichiarati all'arrivo o alla partenza in modo da poterli riportare con se' senza pagamento di dogana.
Per ulteriori informazioni consultate il sito delle dogane coreane

GASTRONOMIA
La cucina coreana si basa principalmente su tre elementi: riso, verdure e carne. Infuenzata, per ragioni di vicinato,   dalla cucina cinese e giapponese presenta una ricca varietà di preparazioni. I pasti tradizionali sono caratterizzati dall’alto numero di contorni che accompagnano ed esaltano il riso. Onnipresente sulle tavole è il  kimchi , un mix di verdure condite con aglio e lasciate fermentare. Altri piatti popolari sono il bulgogi, bibimbap, galbi, amgyetang, teokbokki.  La birra è molto apprezzata e viene normalmente consumata al momento del pasto. Altre bevande tipiche sono il takju , lo ykju , i distillati dei cereali, e la grappa soju . 

LINGUA 
La lingua ufficiale è il coreano, noto anche come Hangul.

ORA LOCALE
+ 8 ore rispetto all’Italia, +7 ore quando in Italia è in vigore l’ora legale.

RELIGIONE
Buddismo (22,8), protestantesimo (18,3%) e cattolicesimo (10,9%).

TASSE AEROPORTUALI
Di norma le tasse aeroportuali includono le tasse di uscita dal Paese. Consigliamo comunque di verificare in aeroporto, trattandosi di regolamentazioni soggette a variazione.

TELEFONO
Prefissi: dall' ltalia 0082; per l'Italia, per effettuare una chiamata internazionale, e' necessario digitare uno dei prefissi delle compagnie telefoniche internazionali (001, 002, 005, 008, 00365, 00700, 00770), seguiti dal codice del Paese e dal numero da chiamare (preceduto dal prefisso della citta' con lo zero).
Telefonia: la rete telefonica cellulare NON e' compatibile con i telefonini GSM (standard europeo). Tuttavia, i recenti modelli di cellulare (smartphones) hanno campo e possono essere effettuate chiamate via internet data la diffusione estesa della rete wifi 4G. E' possibile prendere a noleggio telefoni cellulari presso i Centri Roaming dei diversi operatori telefonici coreani ubicati all’Aeroporto Internazionale di Incheon, al primo e al terzo piano, aperti dalle ore 6 alle ore 22
E' possibile, inoltre, servirsi dei telefoni pubblici (si possono ancora trovare facilmente nelle zone piu' frequentate di Seoul e nelle principali citta' coreane. Nelle zone turistiche e in molti convenience store (es. Seven Eleven), aperti h24  è anche possibile trovare carte telefoniche prepagate internazionali.
La rete Wifi 4G e' aperta e disponibile negli aeroporti internazionali di Incheon e Gimpo a Seoul e in qualunque ristorante, bar e nella maggior parte dei locali pubblici di Seoul e delle principali citta' della Corea.

VACCINAZIONI
Non sono richieste vaccinazioni obbligatorie per visitare la Corea del Sud. Consigliamo comunque di controllare il sito Viaggiare Sicuri al link http://www.viaggiaresicuri.it/country/KOR

VALUTA
Won sudcoreano, che circola in banconote da 1.000, 5.000, 10.000 e 50.000 Won ed in monete da 10, 50, 100 e 500 Won
Accettate tutte le principali carte (VISA, MasterCard, American Express)
Prelievo presso sportelli bancomat disponibile, se ATM riportano la scritta Global. 
E’ possibile consultare il cambio attuale al link http://uif.bancaditalia.it/UICFEWebroot/.

COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA
L’art.16 della legge italiana n. 269 del 1998, punisce con la pena della reclusione i reati inerenti alla prostituzione e alla pornografia minorile, anche se gli stessi sono commessi all’estero.