menu

Cambogia

Divenne la capitale della Cambogia verso la metà del XV sec. quando fu abbandonata Angkor. Sorge sulla pianura centro meridionale, alla confluenza di tre fiumi . Durante l’occupazione francese divenne una delle più belle città dell’Indocina e nonostante abbia subito negli ultimi trent’anni le profonde violenze della guerra civile, conserva ancora oggi il suo fascino e la sua atmosfera che ricorda il periodo coloniale. Da visitare: il Palazzo Reale ispirato a quello di Bangkok, nella cui area si trova la Pagoda d’Argento, così denominata, per il pavimento realizzato con 5000 mattonelle d’argento; il Museo Nazionale, che raccoglie un’incredibile collezione di opere d’arte e sculture del periodo Khmer e di epoche antecedenti. Per non dimenticare l’atroce passato è stato creato il Mu-seo Tuol Sleng, che testimonia gli orrendi crimini compiuti dai Khmer Rossi. In città vi sono inoltre numerosi templi, alcuni ricostruiti dopo essere stati distrutti durante i conflitti, ma che conservano il loro caratteristico stile architettonico. Fra i numerosi mercati della città che commerciano una in-credibile varietà di merci, i più noti e frequentati sono il Mercato Centrale e il Mercato tuol Tom Pong, famoso per i suoi articoli d’antiquariato.

Centro dell’impero Khmer, di cui ospitò le capitali tra il IX e il XV sec., è situato a pochi km dalla moderna città di Siem Reap. Con i suoi spettacolari templi e pregiate opere architettoniche, molti dei quali ancora semisepolti dalla giungla, rappresenta il sito archeologico più grande e più impor-tante al mondo. Fra le decine di monumenti, in gran parte raggiungibili con un circuito di ben 26 km, quelli che destano maggior interesse sono: l’Angkor Thom, la cittadella fortificata costruita in un momento di passaggio alla fede Buddhista mahayana, estesa su 10 kmq. e racchiusa dentro alte mura con cinque grandi porte di ingresso. All’interno vi sono i più importanti monumenti della città come il Bayon, composto da 49 torri da cui sporgono 172 gigantesche facce del Buddha re, e la Terrazza degli Elefanti, lunga 50 metri e usata come tribuna per le riviste militari. A poca distanza dalle mura di questa città si erge monumentale l’Angkor Wat, capolavoro dell’induismo classico, un immenso tempio con altissime torri e preziosi bassorilievi che copre una superficie di quasi 2 km, fatto costruire in onore di Vishnu e circondato da un ampio fossato. Mira-colosamente risparmiati da decenni di guerre e protetti da una fitta vegetazione altre decine di templi si dispongono su una vasta area. Le imponenti mura e i grandi fossati che difendevano la città dimostrano anche le grandi capacità di ingegneria dell’antico popolo Khmer che ci ha lasciato un incredibile tesoro archeologico, considerato una delle meraviglie del mondo.

La pianura alluvionale centrale ospita alcune caratteristiche località nelle cui vicinanze sorgono in-teressanti siti storici. Le principali località di quest’area sono Kompong Cham, Kompong Chhnang, e Kompong Thom con gli importanti siti archeologici di Sambor Prei Kuk, Preah Khan, Koh Ker e Preah Vihear.

Le province lungo il confine settentrionale sono scarsamente popolate e poco servite da collega-menti stradali, ma particolarmente belle e selvagge. Le principali attrattive di questa regione sono: Kratie, una cittadina di 15.000 abitanti con un famoso monastero e nelle cui vicinanze sorge l’antica capitale Sambor (VI e VII sec.). La città di Stung Treng con le rovine di Phnom Chi e le spettacolari rapide di Prek Patang sul fiume mekong. Ratanakiri, una provincia montuosa dove vivono molte minoranze etnico linguistiche.

La regione, a 250 chilometri a sud ovest della capitale, è conosciuta come "Krong Preah Sihanouk" e prende il nome dal re Norodom Sihanouk Padre che è cresciuto in questa città. Le sue spiagge sono una popolare destinazione turistica. La città è vicina all'Aeroporto Internazionale di Sihanoukville. I voli fra Sihanoukville e Siem Reap permettono l'arrivo di turisti diretti non solo ai templi di Angkor Wat (vicino a Siem Reap), ma anche alle spiagge a cui si può giungere più facilmente.

Koh Rong è un'isola della Cambogiana. È famosa per le belle spiagge bianche e per la barriera corallina.
l'isola è molto verde e la fitta foresta è ricca di palme da cocco e cascate.
L'isola di Koh Russey si trova a circa 3 km dal Parco Nazionale di Ream e dalla spiaggia di Otres a SihanoukVille, in Cambogia.
E' un'isola tropicale lunga circa 2 km e larga 1 km.
Ricca di vegetazione e con spiaggia di sabbia rosa/rossa con mare digradante. 
Si raggiunge in barca da Sihanoukville. 

Il più grande lago d'acqua dolce nel Sud Est Asiatico, luogo di grande importanza sotto il profilo ecologico, designato come una biosfera dall'UNESCO nel 1997. Il Tonle Sap è insolito per due motivi: il flusso delle acque cambia direzione due volte l'anno, e la parte che forma il lago si espande e si restringe drammaticamente secondo le stagioni. Il lago e le province circostanti sono parte della Riserva della Biosfera Tonle Sap. Toal Preak, un vero e proprio santuario per uccelli, è conosciuto per essere la patria di grandi colonie di pellicani e cicogne.

In lingua Khmer, è il nome della festa che celebra l'Anno Nuovo. Dura tre giorni a partire dal Capodanno cambogiano, che di solito cade in aprile, in corrispondenza della fine della stagione della raccolta, quando i contadini godono i frutti del loro lavoro prima dell'inizio della stagione delle piogge.

Sia Phnom Penh che Siem Reap ospitano regate, parate, e cerimonie rituali, per celebrare l'inversione del fiume Tonle Sap da monte a valle, fornendo al fiume Mekong grandi quantità di pesci d'acqua dolce e garantendo la fertilità della terra.